cavalcata sant oronzo - Ostuni - vacanze a ostuni

Vai ai contenuti
25-26-27  AGOSTO
La  plurisecolare cavalcata in costume dei devoti di Sant'Oronzo, si  rinnova puntualmente dal 1794, in occasione della solenne processione in  onore del Santo Protettore. Annuncia la singolare sfilata, un motivetto  cadenzato suonato da un complesso di grancassa, tamburo e piffero.  Sant'oronzo  divenne protettore di Ostuni nella seconda metà del XVII secolo, per il  miracolo della liberazione dal contagio della peste in terra d'Otranto.  Nel  1656, fu edificata in suo onore, la chiesa-santuario del Monte Morrone.  Incerte le origini della cavalcata; ne parlano Ludovico Pepe, padre  Bonaventura da Lama, il sacerdote Angelo Cavallo. Di sicuro, il notaio  Felice Giovine insieme a 43 concittadini il 26 agosto 1803 ufficializza  l'accompagnamento a cavallo della processione del Santo, raccogliendo  sette ducati a testa per i festeggiamenti in suo onore. Determinò  l'evento, l'arrivo in città del simulacro d'argento del Santo realizzato  dal cesellatore napoletano Luca Baccaro, per conto del possidente  Pietro Sansone nel 1794. Le  linee della divisa dei devoti, rimandano al periodo napoleonico:  casacca rossa, pantaloni bianchi, cappello cilindrico con pennacchio  biancorosso, mantiglia rossa trinata di bianco. La  cavalcata ha avuto sempre un carattere interclassista, con obblighi  uguali per tutti; un buon nucleo di cavalieri era rappresentato dai  "vaticali" (addetti al trasporto delle merci), alcuni dei quali nel  febbraio del 1794, scortarono la statua d'argento del Santo da Napoli ad  Ostuni.
santorozo ostuni 1.jpg
santorozo ostuni 2.jpg
santorozo ostuni 3.JPG
santorozo ostuni 4.jpg
santorozo ostuni 5.jpg
santorozo ostuni 6.jpg
santorozo ostuni 7.jpg
santorozo ostuni 8.jpg
Torna ai contenuti